Fabbricati industriali

Esigenza

 

Il Comune di Milano, come una buona parte dei Comuni, non aveva una conoscenza certa e puntuale delle superficie relative alle scoperte soggette a tassazione per i rifiuti solidi urbani; pertanto ha inteso avviare un processo di verifica delle “Aree Scoperte Operative e delle Aree Verdi utilizzate ai fini Commerciali”.

Soluzione / Obiettivi

 

L’attività di verifica e di indagine ha riguardato le seguenti tipologie di Edifici (utenze Non Domestiche) Opifici, Alberghi e Pensioni, Istituti di Credito e Assicurazione, Fabbricati per attività Industriale, Fabbricati per attività Commerciale, Residence.

 

Ruolo Omnigis

 

La OmniGIS, in qualità di subappaltatore, si è occupata di analizzare ed individuare gli oggetti di imposta, garantendo l’ausilio per tutte le tematiche riguardanti il territorio:

banca dati e applicazioni GIS,

analisi ed individuazione aree scoperte tassabili

stima analitica delle singole posizioni

Fasi attuate

 

Costruzione di una piattaforma informativa necessaria per le elaborazioni, sviluppata completamente in back office, integrata con le principali banche dati grafiche e alfanumeriche

Individuazione e tematizzazione dei fabbricati di categoria “commerciale-industriale-artigianale”:

geoprocessing per individuazione di immobili con superfici esterne

sovrapposizione degli ulteriori supporti cartografici (ortofoto – ctr)

analisi e misurazione sia delle superfici coperte che scoperte

classificazione delle superfici in base al loro specifico utilizzo

produzione elenco fabbricati con anomalie catastali

creazione delle relazioni tra gli oggetti (Fabbricati/UIU – civici – ruolo Tarsu) trattati

generazione di un database relazionale e di un fascicolo “elettronico”

Risultati raggiunti

 

In particolare, le attività, in corso, stanno contribuendo in maniera determinante e significativa al raggiungimento di importanti risultati tecnico economici come l’analisi puntuale, analitica e completa di tutti cespiti del Comune di Milano

Fatto anche a…

 

Il progetto descritto era già stato attuato negli anni scorsi in una serie di comuni italiani tra cui oltre Milano possiamo citare: Lodi, Spoleto (PG), Camerino (MC), Campagna (SA), etc..